Di femminicidi, autostima, stereotipo & pregiudizio

“Fa male pensare che l’emancipazione femminile abbia prodotto tanta rabbia repressa in una parte di uomini che vedono sminuita la loro supremazia, fa male pensare che nel 2023 una compagna che supera il compagno per ruolo, stipendio, istruzione, capacità, sia di ostacolo alla realizzazione del maschio nella sua pretesa di superiorità, e che basti questo a far perdere il controllo al punto di uccidere. Lavorando all’ultimo libro sono incappata nelle realtà minorili a rischio, in ragazzini immigrati che vivono le contraddizioni di due culture commistiate, nell’abuso di pornografia, nella concezione tutt’ora presentissima di una supposta inferiorità delle femmine, che vanno tenute “gobbe”, che sono “cose” tue di cui puoi disporre e che venire rifiutati, lasciati, etc, è un’onta da lavare col sangue. Sì, siamo ancora qui, anzi, lo siamo più che mai. Perché l’odio verso le donne, nella realtà virtuale e non, è dilagato di pari passi alla crescita di un sesso secolarmente subalterno e oggi in grado di alzare la testa, di decidere in autonomia, di scegliere persino la solitudine o la carriera. Cosa che non va giù a troppi uomini, se ne sentono indeboliti, spiazzati, destabilizzati, inetti al concetto di parità, condizionati da una sottocultura che è nel dna di fin troppe famiglie dove i ruoli sono definiti sciovinisticamente e dove, ancora, i figli maschi sono sacri, ragazzi che vanno capiti (spiegaci perché)”. cit Grazia Verasani in suo post su facebook

Citiamo questo post per farne buon uso durante la settimana prossima ventura. Il tema sarà all’ordine del giorno in tutte le attvità previste, per esserci ancora una volta con i nostri minuscoli compiti.

venerdì 24 novembre – ultima cena con delitto al Circolo Mazzini (già sold out), dedicata al tema con uno dei nostri primi gialli “Mak π 100 Sussurri e grida”

sabato 25 novembre – Nel labirinto della Dea  – a Fiorano Modenese il nostro gioco di ruolo dal vivo parte del progetto “To Play” – attività gratuita su iscrizione

domenica 26 novembre – Il gioco delle parti   laboratorio ludico teatrale che fa  parte del progetto “To Play” – attività gratuita su iscrizione entro il 21 novembre

mercoledì 29 novembre – Dietro le sbarre

Mavi Gianni poterà la sua esperienza nel carcere femminile della Dozza, con il corso “il corpo spensierato”, in collaborazione con Rose Rosse aps e con il Liceo Keynes

giovedì 30 novembre – A prima svista

incontro on line della nostra comunità di pratica parte del progetto To Play

 

Impro Lab > Poetry Slam

Questo slideshow richiede JavaScript.

“La poesia non è fatta per glorificare il poeta, essa esiste per celebrare la comunità”.Marc Smith (creatore del poetry slam)

La poesia è al centro del progetto ImproLab & Poetry Slam che inizia ad Halloween e si conclude in primavera.

Tutti gli incontri si terranno al Pallone,  via del Pallone, 8 – Bologna – GRATUITI con iscrizione  : 3311228889 – mail : info@zoeteatri.it

VAI AL VIDEO CHE SPIEGA IL PROGETTO

 

Ecco il dettaglio di tutti gli appuntamenti

==================================================step 1

Dead and Alive – POETRY SLAM – martedì 31 ottobre 2023 – h 21:00 more “Impro Lab > Poetry Slam”