Il presagio del riccio (newsletter utile)

“Forse non tutti sanno che” il 2 febbraio è un giorno importante in tutto il mondo.
Da noi in Italia è la Candelora, ultimo giorno utile per smontare albero e presepe. In Germania invece, si celebra il giorno del riccio. I tedeschi immigrati lo trasformeranno in Giorno della marmotta, animale autoctono. La sostanza rimane la stessa : se la giornata è soleggiata, l’inverno durerà altre sei settimane, se la giornata è grigia e piovosa l’inverno finirà prima. Scaramanticamente, ci auguriamo una pioggia benefica per il 2 febbraio! Esaurito l’argomento tempo, doveroso come nelle migliori conversazioni british, iniziamo la nostra newsletter utile.

Da mercoledì 1 febbraio, workshop di scrittura e rappresentazione del giallo con Mavi Gianni  
Con un meccanismo in equilibrio tra teatro, gioco e giallo deduttivo, il Murder Party Game è una formula di  gioco di ruolo dal vivo  che vede coinvolte tutte le persone partecipanti.

  • Quando: tutti i  mercoledì di febbraio
  • dalle 19.00 alle 20:30
  • Dove : LABORATORIO DEL GOLEM – via S.Leonardo 20/2 – Bologna
  • costo : 40,00 € – è necessaria la tessera AICS che può essere fatta in loco per 10 euro
  • si può partecipare dagli 11 anni in su

Nei primi tre incontri,  mercoledì 1-8-15 febbraio  dettaglieremo gli intrighi e gli orditi della trama. Seguendo regole di drammaturgia teatrale, apprendiamo anche qualche tecnica propria del teatro di improvvisazione per entrare nei personaggi ed essere pronti a rispondere ad interrogatori inaspettati.
Nel quarto e ultimo incontro,  mercoledì 22 febbraio,  andremo in scena con il nostro Murder Party Game, durante il quale chi ha partecipato al laboratorio, diventerà protagonista del caso.

more “Il presagio del riccio (newsletter utile)”

Report 2022 – quale impatto sociale?

2022 : 12 mesi ricchi di attività, relazioni, giochi, passioni…16+1 playground in 4 tempi; 4 policy lab on line, 2 incontri liberi di gioco, 4 corsi di improvvisazione teatrale, 1 workshop di improvvisazione, 1 modulo al master di facilitazione, 5 LARP, 4 visite guidate alle lapidi dei partigiani, 3 cicli in 4 moduli di improvvisazione e facilitazione creativa, 1 cena con diletto alle cucine popolari, 1 corso da 5 incontri di scrittura e narrazione, 1 corso da 12 incontri di scrittura e narrazione alla Casa circondariale, 13 video sui Bias, 3 residenze d’artista, 7 spettacoli di improvvisazione teatrale,14 gialli teatrali interattivi, 2 letture animate.

C’è voluto un po’ per mettere in fila tutto quel che è accaduto nel 2022, ma ogni associazione che si rispetti deve presentare alle persone associate il report e quindi tanto vale farlo per bene.

Il file da scaricare lo abbiam chiamato   il reportone

Lo si può anche visualizzare direttamente qui  Nelle varie pagine del pdf cliccando qua e là si possono trovare collegamenti a video, a foto, persino ad altri report (Il collegamento a questi lo si trova  anche in fondo a questo post).

Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza l’enorme mole di lavoro volontario delle socie e dei soci e senza la professionalità di chi collabora con noi. 

Quante persone abbiamo incontrato? Chissà. Non abbiamo tenuto il conto e non abbiamo neanche tanta voglia di farlo.

Finché non sarà obbligatorio pubblicare anche le cifre per valutare l’impatto sociale, preferiamo fidarci dell’istinto e ricordare tutte le persone di tutte le età che hanno giocato e riso con noi. 

Se vuoi sostenerci, se vuoi giocare con noi, rinnova la tessera per il 2023 oppure iscriviti all’associazione.

Come associarsi

I report dei progetti finanziati

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

Cene con delitto – prossimi appuntamenti

Le nostre cene con delitto sono veri e propri gialli teatrali interattivi. Tra una portata e l’altra i commensali si trasformeranno in perfetti investigatori e potranno interrogare insoliti sospetti a caccia di inaspettati indizi.Il premio per chi risolve il caso è la partecipazione ad uno dei nostri gialli come “testimone informato dei fatti”.4

La prenotazione è obbligatoria al n 3311228889 o con mail a info@zoeteatri.it .

Dove si svolgono :

  • venerdì 4  e 18 novembre al Circolo Mazzini,via Emilia Levante 6, Bologna. Inizio h 20:30. Serviamo i nostri delitti con un menu a base di crescentine intriganti e dessert risolutivo . Acqua e un calice di vino inclusi. Per i bambini under 12 anni (minimo 8) il costo è di 25,00 €
  • venerdì 11 novembre al Pizzsushi,via Don Sturzo 33 ,Bologna. Inizio h 20:00. Il delitto è servito con un menu a scelta tra pizza e sushi (all’atto della prenotazione indicate quale volete). Acqua e un calice di vino inclusi.

Una cena è troppo? Provate il brivido caldo del nostro tè con delitto :

  • domenica 20 novembre alle h 17:00 al Circolo il Fossolo, v.le Felsina 52, Bologna serviamo il delitto con tè, torta e biscotti. Costo : 15,00 €

Pronti a risolvere il prossimo caso? more “Cene con delitto – prossimi appuntamenti”

Il Beato Convivio – cena con diletto

Zoè Teatri vi invita ad una cena di autofinanziamento per le Cucine Popolari.

Il Beato Convivio – cena con  diletto per servire sapori,storie e ricette della tradizione di Ognissanti.

Lunedì 31 ottobre,h 20:00 – in via del Battiferro 2 – Bologna,

Costo : 15 €  per gli adulti  (vino a parte) – 10 € per bambini – escluso vino e bevande – vino Trebbiano o Sangiovese servito in caraffa 1/2 litro 2.5 € o 1 litro 5 €.

MENU: OUVERTURE :  Quadretto di torta salata alle verdure di stagione | ATTO PRIMO: IL PIATTO DEL BUON RICORDO : Risotto alla zucca con salsiccia per gli amanti del “Divin porcello”  oppure per i puristi Risotto di zucca  senza la salsiccia | ATTO SECONDO : LA GODURIOSA : Scaloppine di tacchino con cipolle e mele | IL GRAN FINALE: Castagnaccio con panna montata.

prenotazione obbligatoria (posti limitati):

MODULO GOOGLE    – SMS O WHATSAPP AL N 3357456877 –

Non è una cena e non è uno spettacolo teatrale, né una semplice unione delle due cose messe insieme. É Teatro Conviviale che mettiamo in sCena con le persone che hanno partecipato al laboratorio Dulcis in Fundo, condotto da Mavi Gianni nell’ambito del progetto Casa di Rubik 

Secondo alcune tradizioni, gli attori sono “servi” e così devono comportarsi. Ciò che devono servire, o meglio portare in scena, è una storia da raccontare, un carattere da incarnare, un oggetto da animare, quel che si vuole celebrare. Ironia, nostalgia, emozioni, parole, suoni,profumi e ricette sono gli ingredienti che danno sapore alla vita e, sapendoli dosare, si può cucinare uno spettacolo divertente e originale servito con una cena adatta all’occasione. La sensazione per gli spettatori-commensali sarà quella di essere coinvolti e accolti. La distanza tra loro e chi è in scena è immediatamente annullata dal fatto stesso di essere seduti alla stessa tavola, condividendo il cibo e le emozioni che ne risultano.Tra una portata e l’altra si ascolteranno ricette e canzoni, si gusteranno cibi e scene teatrali, si vedranno gli attori creare all’impronta, grazie ai suggerimenti del pubblico, scene inerenti al tema della serata. Alla fine applausi per tutti, soprattutto alla brigata cuciniera.

A b