La Giullarìa


Quel che per noi è il pesce d’aprile, altrove vien definito Fool’s day , cioè giorno del giullare.
Nella cultura anglosassone è la figura di “buffone” alla corte, ma noi lo prendiamo come spunto riconoscendo al termine il significato archetipico più profondo : Brillante e comunicativo il Giullare possiede uno spirito camaleontico, col quale si sintonizza con la persona che ha di fronte. In questo modo può immedesimarsi nell’altro e parlare la sua stessa lingua, trasferendo all’interlocutore una sensazione di simpatia e di appartenenza.   E quindi che Gullarìa sia!

more “La Giullarìa”

Noi a marzo si voleva sbocciare…

…ma rimandiamo a tempi migliori

A marzo avevamo previsto una serie di iniziative per festeggiare il doppio anniversario che abbiamo quest’anno : 15 anni di Zoè e 10 anni di cene con delitto. Con quel che sta accadendo in Ucraina non ce la sentiamo più di tanto e quindi manteniamo solo i nostri minuscoli compiti. Quelli di straordinaria amministrazione ( perché comunque di attività in cantiere ne abbiamo tante), augurandoci di poter sbocciare ad aprile.

La prima attività che comunichiamo è strettamente collegata con i fatti di questi giorni. Già vi abbiamo raccontato del progetto Erasmus+ Women Empowerment, in partenariato con un’associazione polacca ed una slovena. La Polonia è una zona di confine molto calda in questo momento e nella nostra attività di scambio internazionale, vorremmo in qualche modo fare la differenza.

Per questo abbiamo programmato un Open space technology per martedì 8 marzo alle h 18:00.

L’incontro è aperto a tuttə ma su prenotazione e si terrà in modalità blended : on line su zoom e in presenza al Centro Civico Borgatti, via Marco Polo 51, Bologna.

Di cosa si tratta? Sarà un momento di incontro durante il quale, a partire da una domanda generativa , si apriranno tavoli di confronto. La domanda che proponiamo è  “La pandemia non ha creato nuovi processi, ha solo accelerato quelli che già c’erano. Come possono agire le donne?

more “Noi a marzo si voleva sbocciare…”

L’intrecciata – storie di ordinaria quotidianità

“L’intrecciata: storie di ordinaria quotidianità”: lo spettacolo di teatro partecipato promosso da Zoè Teatri alla Sala Teatro Centofiori in via Gorki 16, a Bologna

Dopo il successo del primo spettacolo tenutosi lunedì 20 dicembre al Centro Civico Borgatti a Bologna, le maschere contemporanee, create su disegno specifico da un’idea di Paolo Busi e Mavi Gianni, tornano in scena per rappresentare gli “stereoTipi” della società odierna.

Venerdì 11 marzo alle ore 21, sul palco della Sala Teatro Centofiori del capoluogo emiliano, lo spettacolo di teatro partecipato, promosso nell’ambito del progetto Playful Change ideato da Zoè Teatri insieme con PlayRes e Scuola di Fallimento, sarà scandito da riflessioni condivise e momenti di improvvisazione.

Storie di tutti i giorni, in uno spazio collettivo, fra attimi dedicati alla recitazione improvvisata e alla riflessione che invitano a rappresentare sul palcoscenico gli “stereoTipi” dell’oggi per eludere le abitudini preconfezionate della realtà in cui si vive. In scena, i racconti di maschere e personaggi che, di volta in volta, saranno modificati grazie all’interazione con la platea per scoprire e risolvere le problematiche affrontate.

La donna è l’angelo del focolare, uno stereotipo millenario in cui, secondo Virginia Woolf, risiede l’origine della condizione di subalternità della donna. more “L’intrecciata – storie di ordinaria quotidianità”

Erasmus + Women Empowerment : Talent Garden

Cerchiamo otto donne che abbiano voglia di sperimentarsi in un’avventura internazionale, per diventare attrici del proprio cambiamento!

Erasmus + educazione per adulti – Women Empowerment è un progetto in partenariato europeo che Zoè Teatri mette in campo nel 2022 insieme con l’associazione slovena Fundacja Wyobrzeże Sobie”, e con l’organizzazione polacca “Aspira, zavod za razvoj posameznika in družbe”.
L’obiettivo ambizioso è quello di stabilire relazioni tra donne con background e culture diversi per sviluppare i potenziali talenti attraverso lo scambio di competenze e conoscenze.
Ci saranno quindi momenti in cui incontreremo donne delle organizzazioni partner e momenti in cui ci incontreremo tra noi italiane.
Tutte le attività sono gratuite, anche il viaggio, vitto e alloggio per l’evento finale che si terrà in ottobre in Polonia, al quale parteciperanno solo 24 donne dei tre paesi partner (e quindi otto italiane), selezionate in base a disponibilità e partecipazione attiva al percorso italiano che abbiamo chiamato Talent Garden che avrà le seguenti attività :

  1. meeting on line – 4 incontri di 2 h per definire la rete e il suo ruolo .
  2. laboratorio di improvvisazione teatrale, in presenza – 4 incontri di 4 h
  3. laboratorio per creare un “gioco di ruolo dal vivo” – un fine settimana
  4. scambio europeo – residenziale di sette giorni in Polonia per scambiare le buone pratiche con i partner europei .

more “Erasmus + Women Empowerment : Talent Garden”

L’intrecciata, storie di ordinaria quotidianità

Zoè Teatri presenta “L’intrecciata : storie di ordinaria quotidianità”, spettacolo di improvvisazione con maschere e stereoTipi contemporanei. Da un’idea di PaoloBusi e Mavi Gianni – Lunedì 20 dicembre al Centro Civico Borgatti in via Marco Polo 51, Bologna; inizio h 21:00; ingresso libero con prenotazione obbligatoria a 331.122.88.89.

Lunedì 20 dicembre al Centro Civico Borgatti, in via Marco Polo 51, Zoè Teatri propone “L’intrecciata : storie di ordinaria quotidianità”, uno spettacolo di teatro partecipato che ved l’alternanza di riflessioni condivise e momenti di improvvisazione. In scena maschere contemporanee, create su disegno specifico di Zoè Teatri a rappresentare gli “stereoTipi” della nostra società. Si inizia alle h 21:00. La sala sarà aperta alle h 20:45 e non sarà possibile entrare a spettacolo iniziato.Lo spettacolo seguirà tutte le normative covid vigenti e sarà necessario pertanto green pass, mascherina e prenotazione al n 331.122.88.89 o alla mail playfulchange@gmail.com   

In principio era l’angelo (del focolare) “La donna è l’angelo del focolare” : in questo stereotipo millenario risiede, secondo Virginia Wolf l’origine della condizione di subalternità della donna. more “L’intrecciata, storie di ordinaria quotidianità”